martedì, 16 luglio 2019

Umberto Cantone L'occhio di HAL – Archivio della collezione e degli scritti di Umberto Cantone

Home » Film » Sfumatura alta
Sfumatura alta

Sfumatura alta

Print Friendly

Regia:  Umberto Cantone

Genere:  Drammatico

Origine:  Italia

Anno:  aprile 1989

Sceneggiatura:  Umberto Cantone

Cast:  Vincenzo Ciacio

Casa di produzione:  Tele Video Market Rosebud

Lingua:  Italiano

Durata:  30 minuti

Direttore della fotografia:  Daniele Ciprì

Colore/BN:  Bianco e nero

Note: 

Voce fuori campo: Julian Beck (Living Theatre).

Vincitore nel 1990 del premio “Gabbiano d’argento” al Bellaria Film Festival.

Acquistato dalla RAI ed andato in onda su RAI 3 il 7 dicembre 1991.

• • • • • •

«SFUMATURA ALTA», VIDEO DI CANTONE IN CONCORSO ALLA RASSEGNA DI BELLARIA di Massimo Lorello (Giornale di Sicilia, 5 agosto 1990)

«Sfumatura alta» è il titolo del video che il regista palermitano Umberto Cantone presenterà in concorso alla rassegna cinematografica di Bellaria alla fine di questo mese.

Trenta minuti per raccontare la storia del suicidio di un giovane palermitano, impiegato come garzone nel salone di un barbiere, in preda al dolore e all’umiliazione per essere stato tradito dalla sua ragazza.

In un’atmosfera onirica, resa tale dalle immagini in bianco e nero e dal racconto di un poeta che ha seguito la vicenda direttamente, si sviluppa il peregrinare disperato del giovane che con un rasoio in mano percorrerà le vie di una Palermo sempre più metropoli moderna, fino a quando, giunto in riva al mare, si toglierà la vita.

All’interno della storia vengono inseriti anche alcuni frammenti tratti da opere di Samuel Beckett ripresi dalla registrazione che Julian Beck, fra i maggiori esponenti del «Living Theatre», realizzò pochi mesi prima della morte.

«”Sfumatura alta” – spiega Umberto Cantone – è il tentativo di proporre la città di Palermo come soggetto principale nel quale si sviluppano una o più vicende; non più come sfondo di una storia.

Le produzioni che vengono da fuori invece sfruttano spesso Palermo come semplice contenitore. Io come molti altri registi palermitani sto seguendo una strada diversa».

«Sfumatura alta» è stato realizzato lo scorso anno e non è mai stato presentato a Palermo; il concorso di Bellaria non sarà comunque un debutto dato che il video ha già partecipato ad altri concorsi nazionali. Il cast è composto per intero da ragazzi presi dalla strada, da gente che si è trovata a simulare davanti ad una telecamera l’attività abitualmente svolta nella vita. Il ruolo del protagonista è stato affidato ad un ragazzo di 17 anni, Vincenzo Ciacio; la fotografia è invece opera di un altro regista emergente di Palermo: Daniele Ciprì.

- GALLERY - 

- VIDEO - 

“Sfumatura alta” – Il film completo