martedì, 16 luglio 2019

Umberto Cantone L'occhio di HAL – Archivio della collezione e degli scritti di Umberto Cantone

Home » Libri » L’ombra cinese (L’ombre chinoise) – Prima edizione italiana
L’ombra cinese (L’ombre chinoise) – Prima edizione italiana

L’ombra cinese (L’ombre chinoise) – Prima edizione italiana

Print Friendly

Autore/i:  Georges Simenon

Tipologia:  Romanzo

Editore:  Mondadori, Collana "I Libri Neri" ("I Romanzi Polizieschi di Georges Simenon"), n.1

Origine:  Milano

Anno:  1932 (settembre)

Edizione:  Prima italiana

Pagine:  200

Dimensioni:  cm. 19,5 x 12,5

Caratteristiche:  Brossura con illustrazione fotografica in bianco e nero

Note: 

E’ il primo titolo dei Libri Neri di Mondadori dedicato esclusivamente ai romanzi del commissario Maigret di Georges Simenon. Ed è il primo romanzo di Simenon pubblicato in volume (e non in fascicolo) in Italia.

L’ombre chinoise è, in realtà, il tredicesimo romanzo che ha per protagonista il celebre commissario scritto da Simenon nel 1932 e pubblicato da Fayard. Il primo (se si esclude il proto-Maigret de La maison de l’inquiétude) è Pietr-le-Letton (1931) sempre per Fayard.

A tradurre questo primo titolo, uscito nel settembre del 1932, fu Guido Cantini, che era pure il curatore della collana mondadoriana con Gino Marchiori direttore responsabile.   

 

Sinossi: 

” Una grande casa, in piazza dei Vosgi, a Parigi. L’ombra cinese di un uomo curvo sulla sua scrivania si proietta sulle grandi vetrate del suo ufficio. Quest’uomo è morto. Il suo cadavere è appoggiato alla cassaforte, che nessuno potrà aprire se quel corpo non venga rimosso. Eppure i trecentosessantamila franchi che v’erano contenuti sono scomparsi. Chi li ha rubati? Chi ha ucciso l’industriale Couchel? Nell’ombra della corte immensa si aggirano misteriosamente le figure che riempiranno tutto il romanzo. Chi di costoro ha ucciso? Il grosso pugno del commissario Maigret piomba su ciascuno, ma ad una ad una tutte quelle figure sfuggono, dissolvendosi nella monotonia, nella tristezza della vita quotidiana. Chi resta?… Questo romanzo che ha in sé qualcosa di crepuscolare è d’una intensità drammatica che lascia nella nostra memoria impronte incancellabili. ”

Dalla nota in seconda di copertina di questa edizione 

 

- GALLERY -