martedì, 16 luglio 2019

Umberto Cantone L'occhio di HAL – Archivio della collezione e degli scritti di Umberto Cantone

Home » Press » L’instant book sul terremoto del ’68
L’instant book sul terremoto del ’68

L’instant book sul terremoto del ’68

Print Friendly

Tipologia:  articolo

Testata:  la Repubblica / Palermo

Data/e:  21 gennaio 2018

Autore:  Umberto Cantone

Articolo: 

Anche la ferita mai rimarginata del terremoto in Sicilia ha avuto il suo instant book, pubblicato nel 10 febbraio 1968 dalla palermitana Andò Editori e rimasto raro fino all’odierna riedizione, a cinquant’anni di distanza, della Angelo Mazzotta di Castelvetrano.

La forza evocativa di “’68- Terremoto in Sicilia” — a cui Giuseppe Carlo Marino riservò la stessa scrupolosa cura delle sue future ricerche da storico — sta nella documentazione di quella “tragedia contadina”, l’atlante di macerie e macerazioni composto dalle foto di Nicola Scafidi e dei suoi colleghi sul campo.

Affiancata alle immagini, un’antologia di cronache e commenti dal “Giornale di Sicilia” e da “L’Ora”, tra cui spiccano i pezzi di Anselmo Calaciura sulla fuga da Santa Margherita Belice e di Ciuni sul caos dei soccorsi, accanto alle ricognizioni sui beni culturali perduti di Quatriglio e all’asciutto racconto di Servello sulla piccola “Cuccuredda” prima salvata e poi morta in ospedale.

E c’è pure la nota invettiva di Sciascia sulla sorte di “quelli che vivono nelle case di gesso e ci muoiono”, identificazione di un’Italia ancora una volta “paese tremendo dilacerato da contrasti e ingiustizie”.

 

- GALLERY -