giovedì, 25 Aprile 2024

Umberto Cantone L'occhio di HAL – Archivio della collezione e degli scritti di Umberto Cantone

Home » Press » La dedica d’autore che fissa un momento
La dedica d’autore che fissa un momento

La dedica d’autore che fissa un momento

Print Friendly, PDF & Email

Tipologia:  Articolo

Testata:  la Repubblica/Palermo

Data/e:  10 dicembre 2017

Autore:  Umberto Cantone

Articolo: 

Tanti sono i modi con i quali un libro usato, nel diventare raro, annoda al tempo scrittore e lettore. Uno di questi modi – la dedica a un amico vergata in antiporta dall’autore o dal primo acquirente – rende singolare qualunque reperto editoriale.

Tra le dediche siciliane che conservo è curiosa quella che Nino Martoglio, siglando l’edizione Giannotta 1907 della sua raccolta poetica Centona, rivolge “con simpatia d’artista e riconoscenza” a Ildebrando Bencivenni, dimenticata figura di scrittore e insegnante pesarese che a quei tempi collaborava col “Giornale di Sicilia” utilizzando l’esoterico pseudonimo di “Geb”. Chissà quale ragione di gratitudine legò lo scrittore di Belpasso a quel pedagogo che si firmava come una divinità egizia. Commovente è poi l’autografo che apre una mia copia della prima edizione mondadoriana del ‘37 di Via col vento. Appartiene al ventitreenne Fausto Flaccovio, futuro patron della storica libreria palermitana, che dedicando il romanzo di Margaret Mitchell al concittadino Eugenio Bellotti, erede di quella catena di cartolerie dove egli aveva lavorato tempo prima, gli ricorda “con gratitudine” certe comuni “giornate di Milano”.

La dedica è del 1938 (28 aprile), lo stesso anno in cui la libreria di via Maqueda aprì i battenti.

E così quella remota evocazione acquista un intimo valore augurale.