martedì, 16 luglio 2019

Umberto Cantone L'occhio di HAL – Archivio della collezione e degli scritti di Umberto Cantone

Home » Libri » In caso di disgrazia (En cas de malheur) di Georges Simenon – Prima edizione italiana
In caso di disgrazia (En cas de malheur) di Georges Simenon – Prima edizione italiana

In caso di disgrazia (En cas de malheur) di Georges Simenon – Prima edizione italiana

Print Friendly

Autore/i:  Georges Simenon

Tipologia:  Romanzo

Editore:  Arnoldo Mondadori, Collana "Romanzi e Racconti d'Oggi"

Origine:  Milano

Anno:  1958 (aprile)

Edizione:  Prima italiana

Pagine:  192

Dimensioni:  cm. 20,3 x 13,5

Caratteristiche:  Brossura riquadrata di cartoncino flessibile con titoli in marrone chiaro su fondo bianco, sopraccoperta illustrata da disegno a colori con titoli in bianco e in nero su fondo verde

Note: 

Prima edizione italiana di En cas de malheur, romanzo di Georges Simenon pubblicato da Mondadori nell’aprile 1958, unico titolo simenoniano apparso nella collana «Romanzi e Racconti d’Oggi», n.2. Traduzione di Federico Federici.

In originale, il titolo è uscito per  Presses Cité nel 1956.

Da questo romanzo è stato tratto il film La ragazza del peccato (En cas de malheurFrancia/Italia, 1958) di Claude Autant-Lara. Sceneggiatura di Jean Aurenche e Pierre Bost. Con Jean Gabin, Brigitte Bardot, Edwige Feuillière, Franco Interlenghi.

 

In archivio sono presenti altre 2 copie del romanzo nella stessa edizione con fascette editoriali relative al film (vedi in GALLERY) :

Georges Simenon, In caso di disgrazia (En cas de malheur). Traduzione di Federico Federici.  Milano, Mondadori, Collana «Romanzi e Racconti d’Oggi», n.2. Pp. 192, cm. 20,3 x 13,5.  Prima edizione dell’aprile 1958 con fascetta sciolta di colore arancione applicata in copertina con una fotografia in bianco e nero di Brigitte Bardot e la frase di lancio «da questo libro LA RAGAZZA DEL PECCATO con Brigitte Bardot e Jean Gabin – Regia di Claude Autant-Lara – Prod.: CEI-INCOM – Escl.: DA.MA. CINEMAT. ».

Georges Simenon, In caso di disgrazia (En cas de malheur). Traduzione di Federico Federici.  Milano, Mondadori, Collana «Romanzi e Racconti d’Oggi», n.2. Pp. 192, cm. 20,3 x 13,5. Seconda edizione del novembre 1958 con titolo riquadrato in copertina di colore cremisi che esibisce una fotografia di scena in bianco e nero del film di Claude Autant-Lara, con Brigitte Bardot e Franco Interlenghi.

Sinossi: 

Lucien Gobillot è un avvocato di successo che ha sposato Viviane per ambizione e fa parte della Parigi che conta. Tuttavia ha un dossier segreto su se stesso, sulla cui copertina ha scritto il titolo del romanzo. Qui racconta di come abbia incontrato una bella ragazza, Yvette Maudet, che si è presentata nel suo ufficio per farsi difendere dall’accusa di aver ucciso un vecchio bottegaio e non avendo come pagare l’onorario gli si è offerta spudoratamente. Lui è riuscito a farla scagionare, e lei gli si è attaccata, rifiutando un amante, il giovane Mazetti, che sarebbe pronto anche a sposarla e che non accetta l’idea che lei l’abbia lasciato per mettersi con lui, avvocato anziano e sposato. La situazione a quest’ultimo potrebbe sfuggire di mano e per questo ha deciso di tenere il dossier. Poi si è fatto coinvolgere in giochi erotici con Yvette e con Janine, la cameriera. Dopo che Mazetti si fa vivo, Gobillot decide di partire con la moglie, per evitare guai per un poco. Inoltre, Yvette è incinta. Poi viene ritrovata accoltellata in un albergo del quartiere. È evidente che l’ha uccisa il giovane. Gobillot completa il racconto e consegna il dossier al collega incaricato del caso.

 

« In caso di disgrazia è uno dei libri migliori di Georges Simenon, in esso l’autore rivela maggiormente le sue doti di scrittore psicologico secondo la grande tradizione francese. Abbandonato per il momento l’assillo dell’intrico, in questo romanzo lo sforzo dell’autore verte principalmente sulla creazione di un clima. Infatti una peculiare atmosfera circonda questa storia di due amanti che lo stesso protagonista, freddo e metodico, annota giornalmente sulle pagine di un diario. L’avvocato Lucien Gobillot, un grande patrocinatore del foro parigino, conosce Yvette per caso; la difende da un’accusa di rapina a mano armata e la fa assolvere. Questo è l’inizio del racconto, l’inizio anche di un amore torbido che si risolve in una ineluttabile attrazione dei sensi. I due amanti vivono la loro avventura senza neppure tentare di reagire alla tragica fatalità che li avvolge. Solo la conclusione inattesa, ma vissuta in tutte le pagine del romanzo, riuscirà ad allontanare dalla loro vicenda l’incubo di una passione travolgente. »

(Nota editoriale presente nel risvolto di sopraccoperta di questa edizione)

- GALLERY -